Specializzati in Organizzazione eventi - Contattaci ai n: Cellulare: 392.82.31.930 Fisso: 02.87.39.19.41


 


  Home    Serate    Festeggia    Locali    Convenzioni    Location Aziendali    Eventi
 

 
 

PALAZZO CLERICI MILANO 02/87391941

via Clerici 5

Per informazioni, agevolazioni e prenotazioni:
347/9735750

>>Visualizza sulla cartina

Giorno di chiusura:

    SPAZI EVENTI
  SPAZI PER EVENTI AZIENDALI/SPAZI PER EVENTI



Festeggia in questo locale
 
Fotografie del PALAZZO CLERICI MILANO 02/87391941
 
Elenco serate al PALAZZO CLERICI MILANO 02/87391941



Tutti i locali nella cartina:





Iscriviti gratuitamente in Newsletter per ricevere le informazioni delle serate e gli ingressi omaggio:
TUA EMAIL:

Palazzo Clerici Milano -02/87391941-347/9735750 - [email protected]


Veduta della corte
interna di Palazzo Clerici

Palazzo Clerici sorge nel cuore della vecchia Milano, in quella che nel Seicento era detta “Contrada del prestino dei Bossi”.
Il Palazzo, che si elevava in un tessuto urbano fatto di piccole case, apparteneva a una delle più antiche casate storiche milanesi, la famiglia Visconti dei Consignori di Somma.
Nella seconda metà del Seicento, i due corpi principali del fabbricato furono resi autonomi e la proprietà fu ceduta ai Clerici, famiglia originaria del lago di Como dove avevano fatto fortuna con il commercio della seta e con attività bancarie.
Nel 1613, i Clerici si trasferirono a Milano, dove allargarono la cerchia dei loro affari e cominciarono a coprire cariche pubbliche sempre più rilevanti.

Nel Settecento, durante il passaggio dal barocco al neoclassico, Milano visse un'epoca di splendore edilizio. La dominazione austriaca teneva in gran considerazione la nobiltà locale, a cui spesso affidò il governo interno del Ducato e i Clerici ne approfittarono per consolidare la propria influenza. Segno tangibile di prestigio, Palazzo Clerici divenne una delle dimore settecentesche più lussuose e fastose di Milano.


La Sala della Musica
con gli arredi settecenteschi

Le trasformazioni più consistenti nel palazzo si devono all'iniziativa di Giorgio Antonio Clerici, il membro più illustre della casata, che nel 1741 affidò a Giovanbattista Tiepolo l'incarico di decorare la volta della galleria di rappresentanza del Palazzo, la cosiddetta Galleria del Tiepolo.
Il modello a cui ambiva Giorgio Clerici nell'adeguamento dell'abitazione di famiglia voleva ostentare un cerimoniale molto vicino a quello di una corte principesca, del tutto confacente al ruolo ormai acquisito dalla famiglia in seno all'apparato amministrativo imperiale.
L'assetto di Palazzo Clerici si doveva infatti distinguere nettamente dalle dimore dell'aristocrazia milanese, per diversi elementi: la maggiore complessità interna, la più elevata specializzazione funzionale, la singolare moltiplicazione di gallerie destinate a ricevimenti pubblici e all'esposizione di oggetti d'arte.
 

Tuttavia nel 1768, alla morte del marchese, il patrimonio della famiglia era praticamente dissipato. Il Palazzo, con tutti gli arredi, passò a Francesco Clerici, membro del ramo secondario della casata, che nel 1772 lo affittò all'arciduca Ferdinando d'Austria e alla moglie Beatrice d'Este, rappresentanti dell'imperatrice di Vienna nel ducato di Milano. I nobili ospiti vi rimasero fino al momento in cui si trasferirono a Palazzo Reale.
Durante la permanenza dell'arciduca Ferdinando d'Austria, il Palazzo fu oggetto di una nuova distribuzione interna alla quale rimangono tuttora legate le denominazioni di alcune delle sale più sontuose e riccamente decorate del Palazzo come il Boudoir e la camera da letto di Maria Teresa.
 


Veduta della Sala Leopoldo Pirelli

Tale nuova distribuzione e destinazione delle sale era dettata dall'esigenza di adeguare gli ambienti del Palazzo alle diverse esigenze di un sovrano e della corte al suo seguito rispetto a quelle di un aristocratico come il Clerici.
Dopo il trasferimento della corte a Palazzo Reale, nel 1778, don Francesco Clerici fu costretto ad affittare il Palazzo che venne quindi frazionato in diversi appartamenti, con la conseguenza di un'inevitabile alterazione dell'assetto distributivo.

Nel 1813 il Palazzo fu venduto al governo napoleonico del Regno d'Italia, divenne sede della Corte d'Appello nel 1862 per poi passare all'Ispi nel 1942.

 

 

Architettura


Vista della facciata del Palazzo

A differenza delle facciate settecentesche di Palazzo Cusani, Sormani e Litta, che ostentano un opulento apparato decorativo di gusto tardo barocco, Palazzo Clerici presenta una lunga facciata sulla Contrada del Prestino dei Bossi di aspetto relativamente sobrio che contrasta nettamente con la ricchezza decorativa degli ambienti interni. La facciata, che non presenta ordini architettonici, è scandita dal ritmo delle finestre sottolineate da modanature e fregi in stucco di disegno analogo a quelli presenti sulle finestre della corte d'onore. La sezione centrale è arretrata in modo tale da articolarne il volume, rompere l'uniformità del fronte, sottolineare il portale d'ingresso, e rendere possibile un più agevole accesso alle carrozze nell'androne della strettissima via Clerici.
All'interno, la struttura spaziale e distributiva di Palazzo Clerici è articolata in rapporto agli spazi aperti delle corti e il corpo principale dell'edificio è definito dalla sequenza prospettica che lega l'androne d'ingresso, la corte d'onore e il giardino.


Scorcio del porticato
d'ingresso al Palazzo

La corte d'onore è il centro geometrico dell'intera composizione: lungo i suoi lati maggiori si dispongono due ambienti porticati coperti da volte a crociera alternate da strette volte a botte e definiti da una sequenza di archi su colonne binate di ordine dorico.
Il piano superiore presenta una parete liscia scandita da una successione di finestre impostate sopra l'asse di ogni arco che continua anche nei lati brevi della corte d'onore. L'androne d'ingresso è disposto in asse rispetto alla corte d'onore e ad esso corrisponde sul lato opposto un passaggio da cui si accede al giardino, chiamato anche cortile della Cavallerizza per la sua destinazione agli spettacoli equestri.


Veduta della Sala degli Specchi

Oltre agli spazi aperti "di parata" (la corte d'onore e il giardino) con funzioni di rappresentanza e destinati alle occasioni ufficiali, e agli spazi aperti "di comodo" adibiti alla vita quotidiana dei padroni di casa, l'impianto del Palazzo presenta ulteriori spazi aperti "di servizio" (il cortile delle cucine, il cortile con pozzo, il cortile con accesso secondario dalla contrada del Prestino) variamente disposti tra la corte Rustica, il cortile d'onore e l'attuale via Clerici. Questa proliferazione e articolazione di vuoti interni attesta la crescente specializzazione dell'apparato di servizio, funzionale a un sofisticato cerimoniale di ricevimento, tipico delle dimore più ricche e a dimostrazione dell'alto status sociale raggiunto dai Clerici.


Scorcio dello Scalone
d'onore visto
dal portico d'entrata

A destra dell'atrio e con accesso diretto dal portico antistante la corte, si svolge lo scalone d'onore a quattro rampe con gradini di granito, parapetto a balaustri, e negli angoli - unico tra i palazzi milanesi - la presenza di statue femminile vestite all'orientale in linea con la tendenza propria dell'architettura lombarda del Cinquecento a conferire forma antropomorfa ad elementi architettonici (si pensi ad esempio ai talamoni della Casa degli Omenoni o anche alle erme della chiesa di San Raffaele).
Intorno alle corti si organizzano i diversi ambienti del Palazzo secondo una disposizione rigidamente gerarchica che riflette i comportamenti dei suoi fruitori (padroni, ospiti e servitù): gli ambienti di rappresentanza e gli appartamenti dei familiari al primo piano (il cosiddetto piano nobile) intorno alla corte d'onore, al cortile della Cavallerizza e sul lato orientale della corte Rustica; i locali adibiti a scuderie e quelli adibiti alle cucine al piano terra,
rispettivamente intorno al cortile delle scuderie e al cortile delle cucine; gli altri ambienti al piano terra e al primo piano organizzati in appartamenti destinati ad altri membri della famiglia o agli ospiti.

 

 

     

 
  Per informazioni e prenotazioni: [email protected]
Cellulare: 392.82.31.930 Fisso: 02.87.39.19.41 Fax: 02.91.43.68.65
Partita iva n. 02139280461

Serate - Locali - Convenzioni - Annunci - Festeggia con noi - 1 night - Area Aziende - Siti amici - Fotogallery